ConVivio

EnOsteria con l’orto. Non una  semplice osteria ma un luogo dove salvare insieme il cibo vero, buono e sano.

Benvenuti all’ EnOsteria ConVivio di Fiumefreddo Bruzio. Un osteria dedicata a chi ama mangiare e bere bene e di chi vuole capire ciò che mangia e beve.
Convivio da cum vivere, vivere insieme. EnOsteria ConVivio propone una sintesi fra l’atto del mangiare e quello di vivere e condividere il cibo. Il cibo e la vita s’intrecciano e si confondono l’uno nell’altro.
La nostra proposta vuol far  conoscere la provenienza, la storia, l’intelligenza, la fatica e la passione che stanno dietro ai sapori buoni e sani.

All’ EnOsteria ConVivio prediligiamo menù e specialità  della Calabria con particolare attenzione a qualità del cibo e stagionalità,  promuovendo la cucina mediterranea, buona per la salute, pulita per l’ambiente e giusta per le tasche. Il cibo fornito sarà a prezzi equi, garantito da metodi di produzione sostenibili per l’ambiente.

All’ EnOsteria troverete pertanto solo prodotti tipici da piccoli produttori (IGP,DOP e/o Presidi Slow Food), con alle spalle filiere agroalimentari sicure e rispettose dell’ambiente. Nel menù abbiamo inserito diversi piatti a base di verdure, legumi e a seconda della stagione pomodori, melanzane , peperoni, cicoria e tutte le delizie che il nostro chef ogni mattina può raccogliere nell’orto. Gli studi più recenti hanno dimostrato come  il modello alimentare mediterraneo – prevedendo un elevato consumo di verdura, frutta, legumi, frutta a guscio, olio di oliva e cereali  integrali. Un moderato consumo di pesce, formaggi e vino e un basso consumo di carne e di grassi saturi – rappresenta una scelta oculata per la protezione dalle più diffuse malattie del nostro tempo.

Vogliamo  promuovere e valorizzare il territorio con i suoi prodotti. Non una  semplice osteria ma un luogo, dove insieme – cum vivere-, territorio e artigiani del cibo contribuiscono in maniera sostenibile e innovativa a salvare il cibo vero, buono e sano. Proveremo a gettare le basi per una comunità del cibo che possa creare una alleanza tra produttori, ristoratori e consumatori.

L’ EnOsteria Convivio è un luogo in cui ricreare il clima ospitale delle osterie di un tempo dove si poteva trovare la convivialità e voglia di stare insieme.

“CONVIVIO”: UN LUOGO PER CONDIVIDERE IL CIBO E ANCHE LA CUCINA
All’EnOsteria non è importante quello che c’è intorno al piatto o sopra il piatto ci interessa solo quello che c’è dentro il piatto. La cucina per noi è semplicità,  sostanza e non apparenza. Non va imposta o resa concettuale come avviene nel palcoscenico modaiolo dei chef stellati.
Per noi il cibo e il vino devono essere scelti sulla base del rispetto della terra, della biodiversità e sulla passione dei piccoli produttori.

All’ EnOsteria Convivio il menù varia a seconda delle stagioni. Il cibo è identitario e del territorio strettamente legato alla dieta mediterranea come stile di vita. Piacere e gusto nell’ambito di una dieta bilanciata da giusti apporti di fibre cereali non raffinati e altri nutrienti provenienti dal pescato locale.

 

Enolibrobirreria

VINI BIOLOGICI E BIRRE ARTIGIANALI, CIBO DA SALVARE, LIBRI DA GUSTARE.

Vini e birre artigianali calabresi e prodotti tipici questi sono gli ingredienti di una sosta gustosa all’Enolibrobirreria. Potete trovare prodotti tipici biologici a km 0. A pochi passi dalla Residenza, troverete: le specialità del borgo, il cibo di strada, gli aperitivi ma anche la possibilità di pranzare o cenare.
L’Enolibrobirreria offre un viaggio nei sapori e nelle vie del gusto, vini e birre artigianali calabresi e prodotti tipici :  da gustare insieme agli amici o farsene di nuovi nel nostro spazio all‘ aperto.
Nella nostra carta troverete in particolare vini regionali proveniente da agricoltura biologica e da piccoli produttori. Sia i loro terreni che le loro viti sono coltivate con il metodo biologico .

Le parole d’ordine dell’EnOsteria sono identità, semplicità e consapevolezza delle materie prime, della filiera corta e dei prodotti del territorio, buoni per l’ambiente, buoni per la salute e giusti nel prezzo. Il cibo assume un ruolo decisivo all’interno di uno stile di vita sano e equilibrato (www.ledonnescelgono.org).

I vini che proponiamo sono il frutto di ricerche personalmente condotte sul campo. Privilegiando sempre i piccoli vignaioli, per noi artigiani artisti, che lavorando direttamente in azienda hanno saputo trasmettere al vino un’anima, oltre che una qualità eccezionale.

Olio Evo di Calabria

“Quando ti viene nostalgia non è mancanza. E’ presenza di persone, luoghi, emozioni, emozioni che tornano a trovarti” .
Erri De Luca

Pane ed olio: etichette narranti, la nostra memoria collettiva, insieme al vino e all’agricoltura contadina simboli della cultura del mediterraneo. Sono i pilastri della dieta mediterranea, le materie prime di uno stile alimentare e di vita che recupera il passato per anticipare il futuro.

Le evidenze scientifiche dimostrano che alcuni fattori come l’alimentazione mediterranea biologica, buone pratiche in agricoltura, la scelta di cibi naturali, le modalità di preparazione e di cottura dei cibi, l’assunzione di grassi prevalentemente di origine vegetale, come l’olio extravergine di oliva, alcuni stili di vita e in particolare la non sedentarietà portano ad un miglioramento della qualità della vita in termini di riduzione delle malattie croniche metaboliche e in termini di prevenzione per quanto riguarda lo sviluppo dei tumori.

L’ulivo è una pianta che fa parte della storia dell’uomo e del mediterraneo, simbolo di pace, albero di lunga vita, l’ulivo è uno degli elementi caratterizzanti il paesaggio agrario calabrese.

ll mio osservatorio è privilegiato non solo per il valore culturale e salutistico dell’olio riconosciuto dal mondo scientifico ma anche perché mio padre era un frantoiano, un “trappitaru”.

Scrivere di olio è davvero un momento emozionante, “è presenza di persone, luoghi, emozioni, emozioni che tornano a trovarti” e ricostituisce un attaccamento alla terra, alle mie radici, ai valori tradizionali, al lavoro dei miei genitori, alle origini, stimolando sensi e ricordi, ricordi della memoria che rivive. Quel frantoio, quella terra di pregio paesaggistico con i suoi maestosi secolari ulivi sempreverdi hanno offerto un’importante opportunità alla mia famiglia, e alle famiglie dei miei zii.

Il paesaggio, gli ulivi, l’olio sono le radici, il vissuto, la passione per il lavoro, i sentimenti, il nesso indissolubile tra passato e futuro e la vita che si rinnova. Ricordo le olive infornate che mia madre e mia nonna con sapienza preparavano, ho nostalgia delle loro merende fatte di pane e olio spremuto da mio padre. I ricordi mi trascinano ai sapori del sano che è buono.

L’olio extra vergine calabrese, ha una tradizione antichissima, come dimostrano le piantagioni millenarie risalenti all’età della Magna Grecia. La coltivazione dell’olivo è introdotta in Italia intorno al I millennio a.c. da Fenici e Greci, probabilmente a partire dalle colonie greche della Calabria. La paternità colturale dell’olivo in Europa, spetta proprio alla Calabria.

Un sistema di tutela e promozione dell’olio extravergine d’oliva  è Il Presìdio Slow Food dell’olio extravergine italiano che rispetta gli oliveti secolari, di “cultivar autoctone”, gestite senza l’uso di fertilizzanti di sintesi e diserbanti chimici.

La Calabria è stata per tanto tempo il bacino dell’olio lampante ( acidità superiore al 2% ). Bassa qualità, buono per la rettificazione, o nell’ipotesi migliore, per qualche taglio. La nostra regione veniva identificata soltanto come produttrice di grandi quantità di prodotto a discapito della qualità. Negli ultimi anni molto è cambiato e ci siamo avviati grazie ad alcuni produttori locali, in maggioranza donne, verso un rinascimento dell’olio con prodotti di alta qualità. Un prodotto di qualità deve contenere un alto contenuto di acido oleico, polifenoli e vitamina E, una bassa acidità libera con una bassa concentrazione di perossidi.

È fondamentale, però, scegliere olio d’oliva biologico perché a minacciare la qualità dell’olio extravergine d’oliva è soprattutto l’utilizzo sconsiderato di pesticidi per eliminare difendersi dai parassiti che si insediano negli uliveti e che potrebbero compromettere la qualità del raccolto. Ciò avviene nell’agricoltura convenzionale ma non in agricoltura biologica, che non utilizza sostanze chimiche per la coltivazione degli ulivi e si attiene a regole ben precise nella produzione dell’olio. L’olio bio dunque sarà di qualità superiore e non conterrà tracce di pesticidi e di sostanze potenzialmente dannose. La molitura viene eseguita nel giro di poche ore dalla raccolta controllando la temperatura di lavorazioni così da assicurare il mantenimento di tutte le caratteristiche organolettiche.

Sono oli in cui la cura del terreno e la trasformazione delle olive in olio sono tracciate in modo indelebile nella nostra cultura e per questo l’olio biologico di calabria esprime tutti i sapori e i profumi tipici che parlano di territorio e di origini, grazie alle loro caratteristiche organolettiche narrano i profumi del mediterraneo, profumi di pomodoro, basilico e menta, sapori in cui il piccante si armonizza ad un amaro piacevole dando vita ad un fruttato fresco.

 

Video intervista: Borgodifiume un modello per la vivibilità dei Borghi